Elena Strada
fondo mostre
CRISTINA PORTIOLI STAUDACHER

…..Immediatamente l’immagine si scompone ;poi il ricomporsi attraverso il tessuto pittorico :comincia il racconto sulla superficie della tela . La presenza del corpo , nascosta oppure negata, emerge lieve e si manifesta in connubio di equilibrio con profonde suggestioni d’anima nella libertà pittorica di forte espressione .
Le opere narrano senza soluzioni di continuità la ricerca e il vissuto dell’artista. I lavori si arricchiscono via via di nuovi elementi cromatici, di nuovi motivi e nuove visioni, per giungere infine, anche attraverso la capace traduzione del segno in pennellata, a polittici di intensità attrattiva quasi a totale senso di smarrimento nella dimensione pittura

 (”Elena Strada: rigore razionale ed emanazione emotiva” , estratto da Milano Arte 2003)